PANAMA: RESIDENZA E VISTI

(Passa a: Scheda del paese – L’Economia – Residenza e Visti)

Per promuovere gli investimenti ed il turismo nel paese, il governo panamense ha creato diversi programmi per l’ottenimento del visto di residenza temporanea o permanente, o in alcuni casi la cittadinanza o passaporti speciali. Anche se per gli Italiani c’è un programma specifico, vediamo quali sono questi programmi, i relativi requisiti e come ci si qualifica.

REQUISITI GENERALI PER LA RICHIESTA

  • Tutte le richieste devono essere inoltrate tramite un avvocato panamense.
  • A parte il limite minimo dei 18 anni, non esistono altri limiti di età per la richiesta. I minorenni saranno considerati a carico dei genitori.
  • Qualsiasi documento straniero che sarà presentato alle autorità in Panama dovranno essere certificate da un notaio e dal consolato panamense del proprio paese. O in alternativa al consolato, dovranno essere Apostillate.
  • Tutti i documenti dovranno essere recenti (massimo 3 mesi dalla data della richiesta del visto) ed i passaporti essere validi ancora almeno un anno.
  • Soggetti a carico: dovranno presentare un certificato di matrimonio. Se i figli hanno meno di 18 anni, saranno coperti dal vostro visto. Saranno necessari inoltre dei certificati di nascita recenti.
  • Tutte le richieste di visto dovranno essere accompagnate, inoltre, da un certificato di buona salute ed un test HIV, entrambi rilasciati da un medico panamense.

IL PROGRAMMA “PENSIONADO”

Benefici principali:

  • Residenza permanente.
  • Esenzioni da diverse imposte e forti scontistiche su diversi servizi in tutto il paese.

È il visto in assoluto più richiesto. Il soggetto interessato dovrà essere pensionato da un governo, una banca, una società od una organizzazione internazionale. È richiesto un reddito mensile di $1.000 più $250 per ogni soggetto a carico.

A visto ottenuto, oltre alla residenza, il soggetto ha diritto ad una serie di sconti ovunque nel paese:

  • 50% sull’intrattenimento come cinema, teatri ed eventi sportivi.
  • 30% sui biglietti di autobus, navi o traghetti, treni.
  • 25% su biglietti aerei.
  • 50% sui soggiorni in albergo dal lunedì al giovedì.
  • 25% sul conto del ristorante.
  • 15% sul conto dell’ospedale, in caso non si abbia sottoscritta un’assicurazione sanitaria.
  • 10% sulle medicine dietro prescrizione medica.
  • 50% su chiusura di mutui.

…e tanto altro, la lista è lunga ma questa già rende l’idea. È anche esentato una tantum dai costi doganali di importazione di effetti personali per una somma totale di $10.000 e una volta ogni due anni dai costi di importazione di un veicolo o, anche meglio, dalle imposte per l’acquisto locale.

IL PROGRAMMA DI SOLVENZA ECONOMICA

L’interessato potrà richiedere il visto seguendo una di queste tre opzioni:

  1. Fermo deposito temporale in una banca panamense, di almeno $300.000 per un minimo di 3 anni.
  2. Investimento immobiliare senza mutuo e a proprio nome, per un valore minimo di $300.000 e la prova di potersi mantenere economicamente ogni giorno.
  3. Investimento + fermo deposito temporale. Entrambi di un valore minimo di $300.000.

IL VISTO PER GLI INVESTITORI

Questo programma è stato pensato per chi vuole aprire una attività in Panama. Il richiedente dovrà investire un minimo di $150.000 e assumere a tempo indeterminato almeno 3 cittadini panamensi. È importante sapere che alcune professioni sono vietate agli stranieri.

IL PROGRAMMA “PAESI AMICI”

Il miglior programma per molti di noi, lo abbiamo parzialmente visto nella scheda su Panama: essere cittadini di un paese presente nella lista “amici” permette di entrare nella corsia preferenziale dell’immigrazione. In questa lista, però, l’Italia non c’è per via del Trattato di Amicizia, Commercio e Navigazione che Panama ha firmato con il nostro paese. L’unico con cui è stato fatto. Per avere una maggiore chiarezza sui requisiti per gli Italiani, ho contattato due diversi studi di avvocatura. I prezzi sono completamente differenti, uno era addirittura la metà dell’altro e parrebbe anche più prestigioso (dalle mie ricerche personali).

Non voglio fare pubblicità ma posso sempre comunicarne il nome in privato a chi fosse realmente interessato ad un preventivo.

Di seguito traduco e riporto le informazioni principali ricevute, complete dei costi, dell’avvocato che mi è parso più serio ed economico.

Il richiedente deve possedere i seguenti requisiti:

  1. Passaporto rilasciato dalla Repubblica Italiana.
  2. Casellario giudiziale pulito relativo al paese in cui si è vissuto negli ultimi due anni, autenticato da Apostille o dal Consolato/Ambasciata di Panama nel paese del rilascio. La validità non deve superare i 6 mesi.
  3. Certificato medico di buona saluto (da ottenere a Panama).
  4. Pagamento al Tesoro dell’importo di $250. Il pagamento va effettuato tramite assegno bancario. Secondo il trattato Panama-Italia, il richiedente è esente dal versare $800 come deposito per l’eventuale rimpatrio.
  5. Dichiarazione giurata (ce ne occupiamo noi).
  6. Cinque (5) foto formato passaporto.
  7. Documento che prova le motivazioni della richiesta del visto, come l’esercitazione di attività professionale o economica.
  8. Prova di solvenza economica (ovvero presentare una lettera di referenza dalla vostra banca di provenienza e di una banca in Panama che dimostra un saldo non minore di $6.000 – sarà quindi necessario aprire un conto bancario panamense)
  9. Copia della carta d’identità, autenticata da Apostille.
  10. Documento di procura (Power of Attorney) – ce ne occupiamo noi.
  11. In caso di soggetti a carico, una lettera di responsabilità e certificazione comprovante il legame di parentela.
  12. Registrazione con il dipartimento di immigrazione (ce ne occupiamo noi).

Tutti i documenti rilasciati all’estero, devono essere autenticati da Apostille o dal consolato Panamense nel paese di provenienza.

In aggiunta, sarà necessario presentare:

  1. Documento che indichi la ragione per cui si richiede la residenza permanente a Panama, come da punto #7. In questo caso sarà necessario procedere all’apertura di una società Panamense per potersi attenere a questo requisito. Il richiedente ne sarà direttore, presidente, legale rappresentante e azionista. Con questa società si presume che l’interessato svolgerà la sua attività economica e che tale attività non sarà limitata dalla legge (a parte il commercio al dettaglio, permesso solo ai cittadini Panamensi) – non è necessario essere fisicamente a Panama per l’apertura della società.
  2. Certificato di matrimonio (se necessario).
  3. Certificato di nascita dei figli (se necessario).

Fin qui è abbastanza chiaro, la burocrazia è tanta. L’avvocato però, una volta procurati i documenti vi seguirà passo per passo, dall’apertura del conto bancario alla registrazione della società fino alla richiesta del visto. In alcuni casi è anche possibile iniziare il procedimento prima ancora di entrare nel paese.

Vediamo ora cosa dice a proposito dei costi per il visto.

  • $250 al tesoro nazionale per l’avvio della pratica. Questo verrà pagato tramite assegno bancario.
  • $350 costi notarili, traduzioni ed autenticazione dei documenti, carta di soggiorno temporanea, marche da bollo e carta d’immigrazione permanente.
  • $400 costi per la Cedula al Registro Civile (ovvero la carta d’identità).
  • $350 permesso di entrate-uscite multiple da Panama, necessario nell’attesa del rilascio del visto.
  • $1.800 spese legali
  • $126 ITBMS (ovvero l’equivalente dell’IVA)

Totale del costo per il visto del richiedente principale: $3.276.

Spese aggiuntive saranno applicate in caso di soggetti a carico, ed il pagamento va fatto contestualmente alla consegna dei documenti per l’avvio delle pratiche.

I tempi sono piuttosto lunghi: parliamo di circa 5 giorni per l’apertura della società, 3-4 settimane per l’apertura del conto bancario, 5-6 mesi per il rilascio del visto definitivo di residenza permanente.

Per quanto riguarda l’apertura della società, il costo è di $1.085, il che porta il totale della spesa per un singolo visto a $4.361. Il che non è male considerando che il secondo avvocato mi ha chiesto circa $7.000 escludendo l’apertura della società.

RISORSE

Puoi scaricare il documento originale in inglese da questo link (senza il nome dello studio d’avvocatura). Ricorda che le tariffe mostrate sono valide al 2017 e includono, a detta dell’avvocato, uno sconto non meglio definito, e che chiedendo un preventivo adatto alle tue esigenze, potrebbero differire.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...