PANAMA: LA SCHEDA

(Passa a: Scheda del paese – L’Economia – Residenza e Visti)

Panama è un paese molto più sviluppato e moderno di quanto spesso si pensi. La realtà dei fatti è che un trasloco a Panama non sarebbe affatto un allontanarsi dal cosiddetto “Primo Mondo”.

Nonostante abbia le infrastrutture più avanzate e moderne della regione centro-sud America, è ancora oggi possibile prendere un taxi per pochissimi dollari, andare al cinema per $4, un taglio dal barbiere per meno di $5 o cenare in un bel ristorante in due compreso il vino per $30.

È una delle locations preferite per i pensionati statunitensi, infatti è stata classificata come miglior nazione per la pensione nel 2014 e nuovamente nel 2016. Grazie al suo programma “Friendly Nations” i cittadini di diversi paesi, inclusi nel programma, possono optare per la residenza permanente in maniera molto semplice. Non solo, ma è anche un paradiso per eventuali investimenti, possiede infatti uno dei migliori sistemi di tassazione territoriale del mondo: un sistema che l’ha resa un famosissimo centro finanziario portandola ad essere nota come paradiso fiscale.

In questa scheda copro in maniera generale i punti degni di nota del paese come l’acquisizione della residenza, come funziona la tassazione ed aprire un conto bancario.

STORIA

La repubblica di Panama nasce con la secessione dalla Colombia nel 1903. La neo-nazione firma immediatamente un trattato che autorizza gli Stati Uniti a costruire il Canale di Panama diventandone l’amministratrice. Nel 1977 i due paesi firmano un accordo per trasferire interamente il Canale alla Repubblica di Panama entro la fine del secolo, e nel 2006 tramite un referendum popolare, viene dato il via all’espansione del Canale che raddoppierà la capacità di transito. I lavori, che sarebbero dovuti terminare nel 2014, sono invece conclusi nel 2016 ampliando l’opera ingegneristica.

RESIDENZA

Il programma “Friendly Nations Visa” è una sorta di accesso prioritario al visto di residenza permanente per i cittadini di paesi selezionati come “Friendly” (amici). Chi si candida per – ed ottiene – questo visto, può vivere e lavorare nel paese senza limiti di tempo né restrizioni. È uno dei programmi più facili e, grazie al sistema fiscale panamense, anche uno dei più pregiati.

COME OTTENERLA

Candidarsi al programma è semplice, basta (a) avere una fedina penale pulita, (b) depositare una somma di almeno 6000 USD in un conto bancario panamense, (c) avere un legame con Panama, come ad esempio un’offerta di lavoro, un immobile o terreno oppure possedere una società panamense, (d) essere cittadino di uno dei “paesi amici”:
Andorra, Argentina, Australia, Austria, Belgio, Brasile, Canada, Cile, Cipro, Corea del Sud, Costa Rica, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Grecia, Hong Kong, Irlanda, Israele, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Messico, Monaco, Montenegro, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Paraguay, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, San Marino, Serbia, Singapore, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti d’America, Sud Africa, Svezia, Svizzera, Taiwan, Ungheria, Uruguay.

Noti qualcosa di strano? Eh già, l’Italia non è tra questi. Il motivo è semplice e si chiama “Trattato di Amicizia, Commercio e Navigazione” – L’Italia è l’unica nazione ad aver firmato questo accordo con la Repubblica di Panama, il che ci facilita leggermente di più le cose.

Le informazioni in rete a proposito di questo trattato sono molte, tante e troppe. Tutte contrastanti tra di loro, il che mi ha portato a contattare diversi studi legali panamensi, in quanto è sconsigliato effettuare questa operazione da soli. Pubblicherò la loro risposta a breve in un approfondimento sul trattato, ma per ora vediamo quali sono le regole generali, valide comunque anche per il cittadino italiano.

CANDIDARSI PER LA RESIDENZA

È necessario presentare una serie di documenti preparati nel paese di provenienza. Se si intende candidarsi come proprietari di una società panamense, essa andrà registrata almeno un mese prima l’ingresso nel paese.

  1. Casellario giudiziale e carichi pendenti, dove ovviamente non deve risultare nulla, certificato dal consolato panamense oppure con Apostille.
  2. Assegni circolari o contanti per il pagamento delle tasse di immigrazione e di eventuale rimpatrio (quest’ultima tassa non viene applicata agli immigranti italiani grazie al suddetto trattato).
  3. Un giuramento personale tramite affidavit.
  4. Un numero variabile di foto formato passaporto.
  5. Un documento scritto che illustra il vostro legame con Panama.

Una volta a Panama, sarà obbligatorio effettuare una visita medica ed aprire un conto bancario a vostro nome nel quale depositerete i 6000 USD richiesti come prova che sarete in grado di mantenervi. Successivamente ci sarà molta burocrazia, ma una volta completata sarà possibile presentare i documenti per la richiesta del visto. Il vostro avvocato vi seguirà passo-passo per evitare qualsiasi errore, ma l’intero procedimento potrà richiedere fino ad un anno, durante il quale però vi verrà rilasciato un permesso temporaneo ed un visto di multiple entrate-uscite dal paese (dietro ulteriore pagamento).

La presenza fisica nel paese è necessaria solo al momento della candidatura e del rilascio dei visti.

In linea di massima questi sono passaggi sicuramente necessari e in comune a tutti i paesi presenti nella “lista” – andremo più a fondo per quanto riguarda i cittadini italiani con un articolo sul trattato italo-panamense.

CITTADINANZA

Dopo 5 anni dal rilascio del visto permanente è possibile richiedere la naturalizzazione o cittadinanza. E’ importante sapere che bisogna aver vissuto all’interno del paese più della metà del tempo e bisognerà passare degli esami di lingua spagnola, storia e cultura locale.

TASSE ED ECONOMIA

Panama è un paese a tassazione territoriale. Ciò significa che residenti (e non) sono soggetti a tassazione solo sul reddito generato localmente. In pratica ciò significa che si può vivere a Panama con zero tasse, a patto di seguire delle linee guida e che si metta in piedi una struttura ad hoc. Nella maggior parte dei casi è sufficiente registrare una società offshore (fuori da Panama), e lavorare esclusivamente tramite di essa, senza mai ingaggiare rapporti commerciali con Panama.

Comunque, in generale un residente fiscale è il soggetto che rimane più di 183 giorni nel paese o ne stabilisce la residenza permanente. La dichiarazione dei redditi va presentata solo se il proprio reddito è effettivamente tassabile. L’anno fiscale corrisponde al calendario e le percentuali variano in base al reddito, che comunque non superano il 25%. Gli immobili di nuova costruzione sono esentati da tassazione per un periodo che varia tra i 5 ed i 20 anni, in base al valore di mercato dell’immobile, a prescindere da quanti proprietari possederanno quell’immobile negli anni a venire.

Nel 1904 Panama ha adottato, come valuta ufficiale, il dollaro americano ad un tasso di cambio di 1:1 – viene chiamato anche “Balboa” ma è comunque sempre il dollaro americano. Il governo non stampa banconote, ma solo monete da 1, da 5, da 10, 25 e 50 centesimi che hanno la stessa validità delle monete statunitensi.

L’Istituto Fraser, nel 2014 ha classificato l’economia di Panama come tra le più libere al mondo, posizionandola al 37esimo posto su 159. Al di sopra di molte economie europee tra le quali Francia (57esimo posto) e Italia (69esimo posto).

BANCHE

Sappiatelo: la burocrazia panamense è infernale e lenta. Lentissima. Per aprire un conto bancario possono volerci fino a 2 settimane. Nonostante questo, Panama è il centro finanziario principale in tutta l’America latina.

L’apertura di un conto è una procedura che differisce da banca a banca, ma in linea generale i requisiti sono i seguenti:

  1. Passaporto fotocopiato in ogni sua pagina.
  2. Un secondo documento, che può essere la nostra carta d’identità o patente.
  3. Una/due lettere di referenza bancaria su carta intestata e firmata da un ufficiale della vostra banca nel paese di provenienza. Spesso verificano la validità del documento telefonando e chiedendo di poter comunicare con qualcuno che parli spagnolo o inglese.
  4. Una/due lettere di referenza professionale, ottenute da avvocati, ufficiali governativi, dottori, etc.
  5. Non sempre necessaria, la dichiarazione dei redditi dei due anni precedenti. Non necessaria per gli italiani.
  6. Una prova, se possibile, della provenienza dei fondi che andrete a depositare. Spesso non necessaria per gli italiani.

Non spaventatevi, se avete un avvocato che vi segue (e consigliamo vivamente di sì) sarà tutto molto più semplice di quel che sembra, e comunque solitamente è tutto incluso nelle tariffe legali.

Preparati tutti i vostri documenti, prendete appuntamento con la banca, possibilmente qualcuno che parli la lingua di vostra preferenza. Insieme a tutti i documenti bisognerà anche effettuare il primo versamento – possibilmente in contanti, renderà il tutto più semplice – e richiedere anche il banking online che non è sempre incluso. Una cosa che si consiglia è la richiesta di una carta di credito (dietro deposito di sicurezza) in quanto le carte di debito sembrerebbero essere piuttosto costose e comunque quasi sempre impossibili da usare online.

Fatto tutto, i tempi medi di apertura del conto variano tra i 7 e i 10 giorni lavorativi.

TRASLOCO

Bisognerebbe sempre visitare un posto per qualche tempo prima di andarci a vivere stabilmente. Comprare a scatola chiusa non è mai una buona idea perché il posto potrebbe non essere all’altezza delle vostre aspettative.

Detto questo, consiglio di non avventurarsi da soli ma di affidarsi ad una società di visite pre-trasloco, anche conosciute come “relocation tour services”, i prezzi non sono sempre vantaggiosi ma vi risparmieranno fatica ed errori. In più avrete un esperto del luogo a disposizione per tutta la durata del viaggio. Imparare la lingua spagnola sarebbe d’obbligo, tanto quanto entrare a far parte di una community di espatriati così da poter scambiare informazioni utili.

VIAGGIARE

Panama è un paese tropicale, con acque caraibiche e spiaggie bianche. La biodiversità è unica ed ha un clima temperato durante tutto l’anno. L’aeroporto principale è Tocumen (PTY) – un visto sarà rilasciato all’ingresso nel paese e da lì è possibile raggiungere il centro città in taxi o Uber (puoi usare il codice UBERVEM per 10€ di sconto sulla tua prossima corsa).

ALLOGGIARE A PANAMA CITY

Uno degli alberghi più gettonati per lunghi soggiorni, grazie anche ai prezzi contenuti, è sicuramente il Continental Hotel & Casino – la maggior parte di coloro che decide di visitare il paese sceglie come base questo albergo. Simile a questo, con prezzi contenuti rispetto alle camere che offre, è l’Hilton Garden Inn della catena Hilton e centralissimo. Se invece volete passare una vacanza al top, allora dirigetevi verso il Sortis Hotel, Spa & Casino o il più conosciuto Waldorf Astoria. Per chi ha un budget limitato ci sono diversi ostelli, tra cui uno dei migliori è Los Mostros Hostel – bambini non ammessi.

ALLOGGIARE A BOCAS DEL TORO

Al primo posto metterei senza dubbio il Tropical Suites Hotel – l’offerta è tra le più vantaggiose. Per una esperienza differente potete puntare sui bungalow sull’acqua del Punta Caracol Acqua Lodge, vale sicuramente la spesa! Con un budget limitato, invece, il Sun Havens Apartments & Suites potrebbe fare al caso vostro.

Per una ricerca più estesa rimando al sito Booking.com – registrandovi avrete anche accesso alle Offerte SuperSegrete 😉

GUIDE TURISTICHE

La casa editrice che preferisco è sicuramente la Lonely Planet. Mi sento sempre di consigliare questo marchio quando si tratta di viaggi perché include davvero tutto. Puoi acquistarla su Amazon.it in versione cartacea (buona anche da collezionare!) o in versione Kindle. Un altra risorsa, purtroppo non disponibile in italiano, è il sito ufficiale del turismo VisitPanama.com.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...